domenica 23 dicembre 2012

Auguri!

E tu dove saresti voluto nascere?


"In un sogno,
come seme fecondo dal tuo ventre colmo di vita,
in una culla di leggerezza."
 
© Rossana Bossù

Esposizione on line visitabile in ogni luogo voi vi troviate e in qualsiasi momento QUI

martedì 18 dicembre 2012

Quattro chiacchiere nel salotto creativo di Illustrilla

In questi giorni Illustrilla mi ospita per Interv(ART)ista.

Un grazie di cuore va a Ilaria Mozzi che ha voluto invitarmi per scambiare quattro chiacchiere nel suo salotto creativo, per la condivisione e l'opportunità di incontro che riesce a creare in un luogo seppur virtuale.

domenica 16 dicembre 2012

Cosa si nasconde in due macchie

Sabato 15 dicembre e domenica 16 a Strambino (TO) si è tenuta la manifestazione "Parole in gioco"festa del libro per bambini e ragazzi organizzata da Linedaria editore.


In occasione della festa, ieri ho tenuto un laboratorio di illustrazione per i bambini: Cosa si nasconde in una macchia! 
Ne avevo già tenuto uno due settimane fa a Samone (TO), QUI potrai vedere i dettagli.







 Il laboratorio propone di stimolare la naturale fantasia dei bambini per individuare delle forme da semplici macchie fatte con il caffè. Non vengono posti dei limiti, delle regole, non viene chiesto di colorare all’interno di determinati spazi ma al contrario si invita il bambino ad usare la propria immaginazione per esplorare nuove forme e vedere tutto ciò che si nasconde dentro una macchia: animali fantasiosi, mondi inventati, nuove avventure che possono portare in un secondo tempo all’invenzione di storie.

ci prepariamo a fare le macchie

cosa si nasconderà nella macchia?

i bambini all'opera

Durante il laboratorio ho notato come i bambini abbiano già accumulato tutta una serie di imposizioni, regole, limitazioni dal punto di vista dell'espressione artistica che li porta ad essere troppo razionali.
Di solito quando si creano le macchie con il caffè, per quasi tutti i bambini,  la prima espressione è quella del rifiuto, del dire è solo una macchia, non mi ispira nulla. Spesso mi chiedono se possono, se è permesso colorare un leone di blu o mettere le ali ad un pesce.

Mi chiedo, tutto questo da cosa deriva? Dai troppi album da colorare, dove è indicato esattamente che colore usare e guai ad uscire dai contorni?
O noi adulti tendiamo per paura o per semplicità o per fretta ad instradare i bambini su strade già battute e sicure?


si comincia a prendere confidenza con le macchie



Quando riesco a tranquilizzare i bambini riguardo al fatto che le macchie possono essere colorate del colore che vogliono, che tutto è possibile, gli alberi possono volare, le persone possono avere tante braccia e possono anche essere disegnate nude, che un'automobile può diventare un grazioso cappellino per signora, che si può colorare sopra, sotto, intorno alla macchia, con tanto o poco colore allora sì che comincia a venir fuori la fantasia dei bambini.

Così ci si diverte, si impara ad utilizzare la fantasia come mezzo potente per andare oltre, per esprimersi, per divertirsi, per giocare, per sviluppare la propria intelligenza, per inventare delle storie e per vivere con meno ansie.

in alto a destra il robot formica!

un uccellino super fantasioso!

l'equilibrista!

la grossa gallina che scappa e lascia le uova dietro di sè!

il leone dalla bocca grande e dai tanti denti che mangia solo pane!

A fine laboratorio spero di aver dato ai bambini qualche strumento in più ma nello scambio il guadagno è mio, mi arrichisco della loro visione e imparo qualcosa anch'io.

giovedì 13 dicembre 2012

Naturalmente buffet

La mia personale interpretazione del buffet:

Ho pensato al buffet che tutti i giorni viene messo in atto in natura. La catena alimentare dove ognuno è preda e predatore, un perfetto equilibrio che crea la vita. Amore, lotta, vita, morte, il tutto ruota intorno a un "tavolo".

"Naturalmente buffet" © Rossana Bossù

Illustrazione realizzata per il concorso Tapirulan, calendario 2013.

venerdì 7 dicembre 2012

Ancora un giro in Giostra

Anche quest'anno (qui per vedere il post dello scorso anno) ho avuto il piacere di illustrare "La grande storia" sul numero di novembre della rivista mensile per bambini "La Giostra".
"La grande storia" nel mese di novembre è legata alle fiabe delle Immagini della Fantasia di Sarmede,
quest'anno la storia è legata alle fiabe della Russia: "Lo scambio degli scambi" di Luigi Dal Cin.

"Lo scambio degli scambi" © Rossana Bossù © Testi di Luigi Dal Cin

"Lo scambio degli scambi" © Rossana Bossù © Testi di Luigi Dal Cin

"Lo scambio degli scambi" © Rossana Bossù © Testi di Luigi Dal Cin

lunedì 3 dicembre 2012

Cosa si nasconde in una macchia!

Sabato primo dicembre e domenica due a Samone (TO) si è tenuta la manifestazione "Parole sotto l'albero"festa del libro per bambini e ragazzi organizzata da Linedaria editore.



In occasione della festa, ieri ho tenuto un laboratorio di illustrazione per i bambini: Cosa si nasconde in una macchia!


Il laboratorio propone di stimolare la naturale fantasia dei bambini per individuare delle forme da semplici macchie fatte con il caffè. Non vengono posti dei limiti, delle regole, non viene chiesto di colorare all’interno di determinati spazi ma al contrario si invita il bambino ad usare la propria immaginazione per esplorare nuove forme e vedere tutto ciò che si nasconde dentro una macchia: animali fantasiosi, mondi inventati, nuove avventure che possono portare in un secondo tempo all’invenzione di storie.

Il magico thermos, contenitore del prezioso liquido per fare le macchie


 
La preparazione...

I bambini si sono divertiti, gratificati dalla libertà del poter creare facendo delle macchie e io mi sono divertita nel vedere con quanta facilità i bambini riescono ad inventare, a dar libero sfogo alla fantasia appena gli si fornisce uno spunto da cui partire.

Nella macchia fatta da me si nascondeva un papero che voleva uscire dall'acqua



...via alle macchie!!

 Sono stati creati molti animali, più o meno reali o fantasiosi ma anche intere cartine geografiche dell'Italia e dell'Europa, scene complete costruite tutto intorno alla macchia che come in un fotogramma raccontavano una storia, alberi: dagli ulivi ai faggi, montagne, vulcani e spade laser!


Le macchie cominciano a prendere vita!



Ed ecco cosa si nasconde nelle macchie!